Ricerca personalizzata
In quei contesti ove risulti difficoltosa la stesura dei cavi per le interconnessioni tra i dispositivi di un sistema antifurto, trovano impiego le centrali senza filo, che comunicano con i dispositivi tramite collegamenti in radio frequenza. Le centrali ed i rivelatori senza filo funzionano mediante delle speciali  pile, garantendo una autonomia di solito non inferiore a qualche anno. Generalmente nella centrale è presente un ricevitore radio, mentre nei rivelatori è presente un trasmettitore. Ogni trasmettitore si attiva inviando un codice di identificazione del rivelatore a cui è associato insieme al codice corrispondente al tipo di informazione da notificare, ad esempio, il codice di allarme oppure di sabotaggio. In condizione di riposo il rivelatore non trasmette nulla, tranne nei casi di sistemi senza filo supervisionati. Nei sistemi supervisionati, i rivelatori trasmettono il loro stato di vita alla centrale con cadenze programmabili da pochi minuti a qualche ora. Nel caso in cui un rivelatore non riuscisse a trasmettere il proprio stato di vita (ad esempio in caso di rimozione del dispositivo), la centrale genera una situazione di allarme oppure di sabotaggio. Le centrali senza filo, si adattano bene in impianti di piccole dimensioni, in quanto in casi di impianti piu' complessi, sono richieste consistenti competenze tecniche nel campo radio.

Il nostro sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.