Ricerca personalizzata

I giudici della Terza sezione hanno precisato che la potenziale utilità di un sistema antifurto come deterrente alle azioni criminose può dirsi costituire nozione di fatto, posto che, se non si ritenesse che un impianto di allarme possa in qualche misura essere utile per evitare il furto o per attenuarne le conseguenze non vi sarebbe allora alcuna ragione per installarlo.
Secondo la ricostruzione della vicenda, ignoti malviventi asportarono da una gioielleria oggetti preziosi dopo aver praticato un buco nel vetro della vetrina del negozio. L'impianto di allarme realizzato da una società srl non provocò il suono delle sirene e non inviò alcuna segnalazione alla centrale di vigilanza. La gioielleria convenne in giudizio la società srl chiedendone la condanna al risarcimento del danno patito. Con sentenza, il Tribunale di Brescia accolse la domanda nei limiti di Euro 20.000. La decisione, però, venne riformata in appello. I giudici distrettuali accolsero la domanda, sui rilievi che le risultanze processuali non autorizzavano la conclusione che, se l'impianto avesse funzionato regolarmente, la merce non avrebbe potuto essere sottratta. Avverso tale sentenza la gioielleria ricorse in cassazione. La Corte, accogliendo il ricorso e cassando con rinvio la decisione, ha spiegato che è necessario, in questo caso, dar conto delle ipotetiche ragioni per le quali il suono della sirena non avrebbe potuto spiegare un effetto totalmente o parzialmente deterrente, come tale idoneo ad escludere o ad attenuare il danno subito dal gioielliere. La Corte ha così censurato la decisione della Corte di Appello che aveva rigettato la domanda della gioielleria in quanto, le ipotesi non erano state in nessun modo suffragate da risultanze processuali. I giudici distrettuali avevano quindi ritenuto tali considerazioni estranee al tema della decisione e, pertanto, non avrebbero, dunque, potuto essere poste a base della decisione, in quanto fatti non allegati. La Corte ha però spiegato che è vero, sì, che il giudice deve porre a fondamento della decisione le prove proposte dalle parti o dal pubblico ministero nonché i fatti non specificatamente contestati dalla parte costituita, come previsto dall'art. 115 c.p.c., tuttavia, può, senza bisogno di prova, porre a fondamento della decisione le nozioni di fatto che rientrano nella comune esperienza. In tale prospettiva i giudici della Terza sezione hanno così precisato, concludendo che "la potenziale utilità allo scopo dell'antifurto come deterrente alle azioni criminose contro la proprietà privata può dirsi costituire nozione di fatto rientrante nella comune esperienza per gli effetti di cui all'articolo 115, secondo comma, Cpc posto che, se non si ritenesse che un impianto di allarme specifico possa in qualche misura essere utile per evitare il furto o per attenuarne le conseguenze non vi sarebbe allora alcuna ragione per installarlo".

Studio Cataldi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Il nostro sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.