Ricerca personalizzata

 Le analogie con l' occhio umano

Confrontando una telecamera ad un occhio umano potrebbe chiarire meglio il suo modo di funzionare. L' occhio umano (= telecamera) ha una lente, chiamata cristallino (= obiettivo) che focalizza l' immagine su una zona fotosensibile, la retina (= sensore ottico o CCD), costituita da moltissime aree sensibili (= pixels del sensore ottico). Il nervo ottico trasporta i segnali delle aree sensibili al cervello (= circuito integrato per il controllo del sensore ottico). L' occhio umano contiene oltre 100 milioni di punti sensibili contro i 430 mila pixels di un sensore CCD di una telecamera ad alta risoluzione. L' occhio umano ha un' angolo di visuale di circa 90° ma il il nostro cervello concentra l' analisi delle informazioni provenienti dalla retina in un angolo di circa 30° e la "risoluzione" è massima in un angolo di circa 10° dove è maggiore la concentrazione delle aree sensibili. La focale media di un occhio umano (la distanza tra la retina ed il cristallino) è di circa 17 mm e corrisponde appunto ad un angolo di visuale di 30°. Per questo motivo, anche nel campo della videosorveglianza, l' angolo di visuale standard è definito come un campo di ripresa orizzontale pari a 30°, ottenibile con un obiettivo da 8mm montato su di una telecamera con CCD da 1/3".

Il nostro sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.