Ricerca personalizzata
Il sistema di trasmissione del segnale video, senza fili, richiede preparazioni e conoscenze tecniche specifiche per la sua ottimale messa a punto. Fondamentalmente si utilizzano un trasmettitore, un ricevitore e due antenne che servono per modulare il segnale video in radiofrequenza.
La trasmissione di segnali via etere è regolamentata dalle Leggi dello Stato: l'attivazione di questi sistemi richiede una licenza rilasciata dal Ministero delle Poste e Telecomunicazioni. Per trasmissioni a bassa potenza (fino a 10mW - ovvero per poche centinaia di metri) su frequenze di 2.4Ghz (frequenza approvata dalla Comunità Europea) l'attuale normativa prevede solo il pagamento di un'apposita tassa. Poichè la banda passante a disposizione è sufficientemente ampia, di solito è possibile trasmettere contemporaneamente video, audio e segnali di telemetria per comandi di brandeggio e zoom.
Un particolare installativo molto importante è che le antenne dovrebbero essere a portata ottica, ovvero dovrebbero essere allineate e dovrebbero vedersi. Il tipo di antenna (stilo, direzionale, parabolica...) e la potenza di trasmissione sono le componenti fondamentali che determinano la portata del sistema che potrebbe andare da poche centinaia di metri a diversi chilometri. 

Il nostro sito usa i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da questo sito.